giovedì 18 febbraio 2010

Obama apre al nucleare

Nucleare? Yes we can. Il presidente americano Barack Obama, rompe a sinistra l'ennesimo tabù, e annuncia, dopo uno stop lungo trent'anni, la costruzione di nuove centrali atomiche "sicure e pulite". Una mossa per spingere su lavoro e clima, le due parole chiave con cui Obama e i democratici cercano di risalire la china e recuperare elettori in vista del voto di novembre di medio termine.

Per ora l'investimento a favore del nucleare è di otto miliardi di dollari (circa sei miliardi di euro), ma assicura Obama "è solo l'inizio", visto che triplicherà questa cifra. Una scelta drastica che il presidente rivendica essere l'unica coerente con la sua fede ambientalista, sfidando apertamente ogni critica. "Su un tema come l'energia, che condiziona la nostra economia, la nostra sicurezza e il futuro del nostro paese - taglia corto Obama - basta con lo stesso vecchio dibattito di sempre tra destra e sinistra, tra ambientalisti e imprenditori".

E poi, ancora più duro, spazza via anni di scontri ideologici sull'atomo. "So che ci sono delle opinioni differenti, ma non possiamo permetterci di non fare passi avanti". Circondato dagli operai di una centrale elettrica del Maryland, il presidente degli Stati Uniti, è chiarissimo. Il suo piano creerà 700mila posti di lavoro e ridurrà la dipendenza Usa dal petrolio straniero. Ma a spingere a favore dell'atomo non ci sono solo esigenze economiche. L'opzione nucleare, sottolinea guardando fisso in camera, è anche la soluzione migliore per "prevenire il cambiamento climatico. Il nucleare - scandisce - rimane la maggiore fonte d'energia che non produce emissioni inquinanti.

Una centrale atomica - aggiunge - a parità di energia prodotta, in un anno, è capace di ridurre l'inquinamento che viene di 16 milioni di tonnellate di carbone. Praticamente è come togliere dalla strada 3,5 milioni di macchine". Al problema delle scorie dedica solo un accenno, annunciando che sarà istituita una commissione bipartisan di esperti e politici per esaminare il problema. Il suo scopo è parlare di clima, un argomento molto sentito da un elettorato giovane, che nel 1979, all'epoca dell'incidente di Three Miles Island, la peggiore perdita di materiale radioattivo nella storia degli States, non era nemmeno nato.

E magari di Chernobyl non ne ha mai sentito parlare, ma conosce bene le difficoltà con cui l'Occidente, da Kyoto a Copenaghen, sta cercando di limitare i gas inquinanti, responsabili del riscaldamento terrestre. il ministro dello Sviluppo Claudio Scajola non perde l'occasione per ribadire la ecessità del ritorno all'atomo anche in Italia. Per Scajola, la decisione del presidente Obama è l'ulteriore conferma che il nucleare è indispensabile per preservale l'ambiente, ridurre le emissioni di gas serra e combattere il cambiamento climatico».

fonte: lanuovaecologia.it

Nessun commento:

Google
Si è verificato un errore nel gadget

Passatempo Preistorico

Moonstone Madness

Pronti a partire, pronti per distruggere tutto? Bene, allora fate un salto indietro nell'era preistorica e immergetevi in questa nuova avventura dal gusto tribale. A bordo del vostro cinghiale dovrete raccogliere le gemme preziose necessarie per passare alle missioni successive, saltando gli ostacoli se non volete perdere il vostro bottino e distruggendo i totem a testate per conquistare altre gemme utili. Inoltre, una magica piuma vi catapulterà verso il cielo dove punti e gemme preziose sono presenti in gran quantità, per cui approfittatene! cercate di completare la missione entro il tempo limite, utilizzando le FRECCE direzionali per muovervi, abbassarvi e saltare, e la SPACEBAR per prendere a testate i totem.

Change.org|Start Petition

Blog Action Day 2009

24 October 2009 INTERNATIONAL DAY OF CLIMATE ACTION

Parco Sempione - Ecopass 2008