venerdì 20 marzo 2009

Gli esquimesi contro gli ambientalisti

Salvate l'orso polare da chi vuole salvarlo, invocano gli esquimesi Inuit del Canada: cioè da ricercatori e naturalisti. «Non dai cacciatori, che fanno meno danno». Ed essendo proprio loro, gli Inuit, i cacciatori in questione, è certo una testimonianza di parte: gente che vive delle bistecche di plantigrado, difficilmente sarà obiettiva. Però al congresso appena svoltosi nel Grande Nord canadese, davanti ai responsabili di tre dipartimenti federali, ai capi di cinque tribù, e ai docenti di varie università, gli Inuit hanno portato qualche cifra: negli ultimi tre anni, la metà dei 2.100 orsi «censiti» sullo stretto di Davis sono stati inseguiti una o più volte da elicotteri, e addormentati con aghi sparati dall'alto, completi di una piccola carica esplosiva per far penetrare il narcotico sotto la pelliccia. E a parte lo choc, questi inseguimenti avrebbero cambiato le abitudini degli animali.

L'obiettivo degli scienziati era ed è quello di studiare da vicino i plantigradi minacciati dallo scioglimento dei ghiacci, senza fornir loro il pranzo; perciò la pozione sedativa è stata usata in tutto 2.371 volte. Ma, dice la Compagnia Nunavut Tunngavit che raccoglie appunto i cacciatori Inuit, due orsi rincitrulliti dal tranquillante sono annegati nella zona di Pangirtung, a riprova del fatto che «certi metodi intrusivi di ricerca non rispettano gli animali, né noi». Poi, è stata trovata qualche balena beluga denutrita e disorientata, con un rilevatore satellitare inserito sotto la pelle; e sei balene sono morte durante l'operazione di inserimento dell'apparecchio. Così come otto delle ventifemmine di caribù (il «cugino» nordamericano della renna) cui nel 2007 è stato applicato un collare elettronico. Non solo: poiché il dipartimento canadese dell'Agricoltura sconsiglia di mangiare per un anno la carne di un animale che sia stato narcotizzato, gli esquimesi temono qualche effetto chimico, e sostengono — testimonianza riportata al congresso — che «mangiare la carne di un caribù che è stato narcotizzato è come mangiare una zuppa con dentro dei capelli».

Ma un'altra questione divide questi re della tundra dagli ambientalisti: non credono che il cambiamento climatico minacci l'orso polare, anzi. Dicono che i 16 mila orsi presenti nella loro terra del Nunavut sono il doppio dei 6-8 mila stimati negli anni Settanta. In certi villaggi gli orsi «fanno una baraonda», e si teme «che la sovrapopolazione porti al cannibalismo fra gli animali». Così il Canada — a differenza dagli Usa — ha cancellato l'orso polare dall'elenco delle specie a rischio d'estinzione. «Siamo da millenni i suoi custodi— è stato ancora detto al congresso — e sappiamo che la sua carne può essere toccata solo per nutrire l'uomo. Certi scienziati ignorano la conoscenza che gli Inuit hanno accumulato per generazioni: perché non ci ascoltano?».

Anche a Tromsø, in Norvegia, cinque Paesi — Canada, Usa, Russia, Norvegia e Danimarca — si sono riuniti per ridiscutere il trattato sulla salvaguardia dell'orso polare. E anche lì, l'arringa del capo Inuit: «Siamo stati i primi ad avvertire il mondo del cambiamento del clima. Ora, per qualcuno, gli orsi polari saranno messi malissimo da qui a 50 anni. Ma oggi, stanno bene. E creano un po' di problemi alla nostra gente». Mai quanto il governo americano, però, con il suo divieto di importare le prede-trofeo: i cacciatori provenienti dagli Usa garantivano agli Inuit 2,3 milioni di dollari all'anno.

fonte: corriere.it

Nessun commento:

Google
Si è verificato un errore nel gadget

Passatempo Preistorico

Moonstone Madness

Pronti a partire, pronti per distruggere tutto? Bene, allora fate un salto indietro nell'era preistorica e immergetevi in questa nuova avventura dal gusto tribale. A bordo del vostro cinghiale dovrete raccogliere le gemme preziose necessarie per passare alle missioni successive, saltando gli ostacoli se non volete perdere il vostro bottino e distruggendo i totem a testate per conquistare altre gemme utili. Inoltre, una magica piuma vi catapulterà verso il cielo dove punti e gemme preziose sono presenti in gran quantità, per cui approfittatene! cercate di completare la missione entro il tempo limite, utilizzando le FRECCE direzionali per muovervi, abbassarvi e saltare, e la SPACEBAR per prendere a testate i totem.

Change.org|Start Petition

Blog Action Day 2009

24 October 2009 INTERNATIONAL DAY OF CLIMATE ACTION

Parco Sempione - Ecopass 2008