lunedì 23 marzo 2009

«L'accesso all'acqua non è diritto»

Migliorare l'accesso all'acqua e ai servizi igienico-sanitari. Con questa dichiarazione di impegni, annunciata ieri da 95 tra ministri e vice-ministri, cala il sipario sul V Forum mondiale dell'acqua a Istanbul, in concomitanza con la Giornata mondiale. Oltre 25.000 persone, capi di Stato e delegati provenienti da 155 Paesi, questi i numeri di una settimana dedicata all'emergenza delle risorse idriche. Il documento finale sottolinea il carattere di "urgenza" nel combattere il problema, ugualmente riconosce l'importanza dell'avere "accesso" e di "un miglioramento delle condizioni igienico-sanitario", per compiere un importante "passo verso la diminuzione in tutto il mondo dei decessi legati alla scarsità d'acqua".

La nozione di diritto dell'accesso all'acqua, reclamata con forza da numerose Ong e parecchi Paesi, non figura tuttavia nel testo, il quale afferma che è un bisogno. Base di partenza, divenuti poi impegni a un miglioramento, è stata l'analisi della situazione della crisi idrica: otto milioni di decessi l'anno sono attribuiti alla carenza di acqua e servizi igienico-sanitari, più di un miliardo di persone hanno limiti di accesso all'acqua potabile, 1,1 miliardi di persone non hanno accesso alle risorse idriche, 2,6 miliardi di persone hanno problemi igienico-sanitari, 3.900 bambini muoiono ogni giorno a causa della mancanza di acqua, l'inquinamento dei corsi d'acqua e delle falde del sottosuolo.

Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, lanciato in parallelo al Forum, il rischio per la Terra è che al 2030 metà popolazione mondiale resti assetata, ma è l'Africa a dover affrontare la sfida più grande. Entusiasta per il successo dell'evento, il segretario generale del Forum Oktay Tabasaran parla del documento come di "una piattaforma per affrontare i problemi del mondo legati all'acqua, che non possiamo ignorare" per la sopravvivenza del nostro Pianeta. "È un documento importante - conclude il ministro turco dell'Ambiente Veysel Eroglu - che servirà da riferimento a livello governativo".

Per accelerare i processi verso la sostenibilità e facilitare obiettivi e soluzioni comuni, per la prima volta, a Istanbul, sono stati miscelati tre livelli di potere politico: i governi nazionali, le autorità locali e i Parlamenti si sono ritrovati in una convergenza organizzata in un 'trilogo'. A livello locale, hanno firmato l'impegno a affrontare le questione legata all'acqua 46 città. la città sede del Forum, Istanbul, non è stata scelta a caso: c'è lo stretto del Bosforo che separa Europa e Asia, in una posizione ideale per portare in tutto il mondo la consapevolezza delle problematiche dell'acqua

fonte: lanuovaecologia.it

Nessun commento:

Google
Si è verificato un errore nel gadget

Passatempo Preistorico

Moonstone Madness

Pronti a partire, pronti per distruggere tutto? Bene, allora fate un salto indietro nell'era preistorica e immergetevi in questa nuova avventura dal gusto tribale. A bordo del vostro cinghiale dovrete raccogliere le gemme preziose necessarie per passare alle missioni successive, saltando gli ostacoli se non volete perdere il vostro bottino e distruggendo i totem a testate per conquistare altre gemme utili. Inoltre, una magica piuma vi catapulterà verso il cielo dove punti e gemme preziose sono presenti in gran quantità, per cui approfittatene! cercate di completare la missione entro il tempo limite, utilizzando le FRECCE direzionali per muovervi, abbassarvi e saltare, e la SPACEBAR per prendere a testate i totem.

Change.org|Start Petition

Blog Action Day 2009

24 October 2009 INTERNATIONAL DAY OF CLIMATE ACTION

Parco Sempione - Ecopass 2008