giovedì 26 novembre 2009

Janet Larsen a greenreport: «Le grandi banche americane non investono più sul nucleare»

«E' difficile dire adesso se Barack Obama riuscirà, nella conferenza di Copenhagen, a mantenersi coerente con le promesse fatte finora su green economy e cambiamento climatico. Sicuramente il presidente può contare su uno staff di consiglieri scientifici molto capaci, e affronta molto seriamente le tematiche del surriscaldamento globale».

Parole, queste, con cui Janet Larsen, direttore di ricerca dell'Earth policy institute, ha espresso fiducia nella volontà del presidente Obama di sostenere un accordo di ampio spessore nella vicina conferenza di Copenhagen. Secondo Larsen, che ha tenuto oggi un intervento sul legame tra clima ed economia nell'ambito della prima giornata del VII forum internazionale per la salvaguardia della natura (Viterbo, da oggi a domenica 29), le preoccupazioni successive a quello che definisce come il "China trip" del presidente Obama sono esagerate, nel senso che non è da attendersi che dalla conferenza di Copenhagen esca un nulla di fatto o un accordo minimale sul contrasto/adattamento al global warming.

Sostiene infatti l'economista americana che «molta gente ha visto il viaggio di Obama in Cina come un punto di svolta, ma io credo che non dobbiamo attenderci, da Copenhagen, niente di meno di ciò che il presidente ha promesso di portare avanti fin dalla campagna elettorale».

Dottoressa Larsen, al di là di ciò che avverrà a Copenhagen, appare interessante la sua opinione di esperta (e di cittadina americana) riguardo al serrato dibattito che - soprattutto negli Usa - si svolge riguardo alla tecnologia del carbon capture and storage. A che punto siamo? E qual è il suo parere sulle prospettive legate al Ccs?

«Personalmente ritengo che il Ccs sia una forma di distrazione dagli obiettivi di riconversione energetica: una scelta legata alle energie del secolo passato, finalizzata a poter continuare ad usare il carbone, sostanzialmente. E sappiamo bene che il carbone è il combustibile fossile con maggiore effetto climalterante.

Inoltre, occorre considerare che il modo comune di cavare il carbone, e cioè quello di estrarlo dal terreno in profondità (il "ground mining", cioè) è in via di abbandono per motivi di economicità del prelievo: lo sta sostituendo, almeno negli Stati uniti orientali, la pratica del "mountaintop mining", cioè la realizzazione di cave in cima alle montagne, dove le risorse carboniche sono situate più vicino alla superficie.

Questa pratica ha non solo effetti sul clima, ma anche sulla salute delle persone, oltre che sulla qualità dell'acqua nelle aree circostanti: anche se riuscissimo, magari col Ccs, a limitare le emissioni nette di CO2, quindi, resterebbero comunque i problemi sanitari e legati all'acqua. E ricordo anche che le comunità accettano la pratica del mountaintop mining perchè si ritiene che aumentino i posti di lavoro, ma il problema è che poi aumentano, per le criticità citate, anche i casi di tumore».

In Italia, molti analisti rifiutano le opzioni di coesistenza tra energia nucleare e rinnovabili. Ragionando in termini di limitatezza delle risorse economiche e logistiche (cioè, come diciamo in Italia, in termini di "coperta corta") molti giungono alla conclusione che o si investono risorse, tempo, sussidi, credibilità politica nella conversione verso le rinnovabili, oppure lo si fa in direzione del sostegno al nucleare. Qual è la posizione di Obama?

«Obama è aperto a tutte le opzioni energetiche, nucleare compreso. Fin dalla campagna elettorale ha sostenuto che il nucleare può far parte della torta energetica, ma ne ha sottolineato i problemi: in primis le scorie, e la mancanza di un luogo dove esse siano stoccabili definitivamente.

Come Earth policy institute riteniamo che, soprattutto davanti alla situazione economica attuale, il nucleare sia un obiettivo essenzialmente anti-economico: la costruzione degli impianti richiede forti sussidi pubblici, e infatti le più grandi banche americane non stanno più investendo sul nucleare con i loro finanziamenti. E certo queste banche non hanno smesso di finanziare il nucleare per salvare l'ambiente, e nemmeno perchè preoccupate per la percezione pubblica riguardo al loro operare: anche secondo le banche, è ovvio, i problemi connessi al nucleare sono in primo luogo di matrice economica».

fonte: greenreport.it

Nessun commento:

Google
Si è verificato un errore nel gadget

Passatempo Preistorico

Moonstone Madness

Pronti a partire, pronti per distruggere tutto? Bene, allora fate un salto indietro nell'era preistorica e immergetevi in questa nuova avventura dal gusto tribale. A bordo del vostro cinghiale dovrete raccogliere le gemme preziose necessarie per passare alle missioni successive, saltando gli ostacoli se non volete perdere il vostro bottino e distruggendo i totem a testate per conquistare altre gemme utili. Inoltre, una magica piuma vi catapulterà verso il cielo dove punti e gemme preziose sono presenti in gran quantità, per cui approfittatene! cercate di completare la missione entro il tempo limite, utilizzando le FRECCE direzionali per muovervi, abbassarvi e saltare, e la SPACEBAR per prendere a testate i totem.

Change.org|Start Petition

Blog Action Day 2009

24 October 2009 INTERNATIONAL DAY OF CLIMATE ACTION

Parco Sempione - Ecopass 2008